ATTIVITÀ FISICA: PERCHÉ FARLA E QUALE?

  • PERCHE’ FARE ATTIVITA’ FISICA
  • QUALE ATTIVITA’ FISICA SVOLGERE
  • COME INIZIARE PRATICAMENTE UN PROGRAMMA DI ATTIVITA’ FISICA

PERCHÉ’ FARE ATTIVITÀ’ FISICA

Per mantenere il corpo e la mente sempre in “forma” oltre che seguire un corretto regime alimentare e condurre uno stile di vita sano, è molto importante praticare attività fisica con costanza e regolarità. Quando inoltre si desidera perdere peso, l’attività fisica è indispensabile a favorire il calo ponderale sulla massa grassa conservando la massa magra (muscoli) oltre tutti i benefici che ne derivano. L’attività fisica previene patologie croniche come: diabete tipo 2, disturbi cardiocircolatori, obesità; protegge da condizioni disabilitanti come: osteoporosi e artrosi; riduce o elimina fattori di rischio come: la pressione alta e il colesterolo alto; aiuta a combattere disturbi psicosomatici come: ansia, depressione e insonnia. L’attività fisica aiuta, inoltre, a mantenere in buona salute il tessuto muscolate, osseo e articolare.

QUALE ATTIVITÀ’ FISICA SVOLGERE

Esistono attività fisiche adatte ad ogni persona e ad ogni età.
BAMBINI FINO A 5 ANNI Le attività consigliate sono percorsi di gruppo dove correre, saltare, lanciare, arrampicarsi.
BAMBINI DAI 5 AI 7 ANNI Le attività consigliate sono giochi di movimento in acqua, nuoto e atletica leggera.
BAMBINI DAI 7 AGLI 8 ANNI Attività consigliate: minivolley, minibasket e altre attività di gruppo.
BAMBINI DAGLI 8 AI 10 ANNI Attività consigliate: giochi all’aperto, giochi sportivi di squadra (pallamano, calcio, pallavolo, basket…)
ADOLESCENTI Attività consigliate: sport di squadra (calcio, pallavolo, basket…) sport individuali (arti marziali, ping-pong, scherma, tennis, ginnastica artistica, danza sportiva…)


ADULTI

Alla base di tutto sta la scelta dell’attività sportiva che è orientata dalle nostre proprie preferenze. Occorre inoltre tenere presente quali sono le nostre possibilità motorie in modo da non sottoporci a forti sollecitazioni fisiche. Se si è poco attivi, è sufficiente svolgere 30-45 minuti al giorno di moderata attività fisica per 5-6 giorni alla settimana per ottenere benefici. Se si è attivi seguire un programma più intenso guidati da un personal trainer.


ANZIANI

I benefici che l’attività fisica dona in questa fascia di età sono molteplici, sia a livello fisico, che emotivo, sociale e psicologico. È necessario valutare al meglio l’attività fisica da svolgere e distinguerla da eventuali terapie motorie prescritte dal medico. La ginnastica per l’anziano è caratterizzata da movimenti dolci, semplici e piacevoli che permettono di mobilizzare le articolazioni e di favorire la distensione dei muscoli. Ma può essere prevista anche attività per l’incremento dell’efficienza fisica per chi li sente a sua portata. Si consigliano attività leggere di 30 minuti da moderata a intensa come: passeggiate, nuoto, aquagym, cyclette, yoga, pilates e tutte le attività dolci. Si consiglia si svolgere queste attività con l’aiuto di un operatore specializzato e dopo indicazioni del proprio medico.

Resta inteso che, prima di iniziare un programma di attività fisica, è sempre opportuno parlare con il proprio medico/pediatra ed eventualmente sottoporsi ad accertamenti strumentali (elettrocardiogramma, prova da sforzo) per una preventiva valutazione delle condizioni cardiache.

COME INIZIARE PRATICAMENTE UN PROGRAMMA DI ATTIVITÀ’ FISICA

Per chi comincia ad intraprendere un programma di attività fisica o si accinge a seguirlo dopo un lungo periodo di inattività, è consigliabile cominciare qualunque programma di attività fisica mantenendo ritmi non troppo intensi, incrementandoli successivamente per arrivare, nel giro di qualche settimana, al programma definitivo. Una raccomandazione è quella di indossare indumenti comodi, non troppo aderenti che permettano la traspirazione del sudore e quindi la dispersione del calore e la conseguente regolazione della temperatura corporea. Particolare attenzione va posta anche nella scelta delle calzature che dovranno essere comode e adatte al tipo di esercizio che si intende svolgere. L’esercizio dovrebbe iniziare con una fase di riscaldamento di almeno 3-5 minuti per adeguare il corpo allo sforzo, anche minimo, che ne seguirà (streching leggero o ginnastica di allungamento, oppure anche aerobica leggera per 2-5 minuti a bassa intensità). Il riscaldamento ha lo scopo di evitare dolori muscolari e fastidiosi infortuni ai muscoli freddi ed inoltre migliora la performance perché prepara i muscoli ed il cuore per l’allenamento più energico. A questa fase, seguirà quella del vero e proprio allenamento, con un’attività più intensa in modo da migliorare l’efficienza cardiovascolare. In questa fase il battito cardiaco e la frequenza del respiro aumentano decisamente, ma si dovrebbe essere in grado di tenere una conversazione durante l’esercizio fisico. Dopo l’attività fisica non ci si deve sentire particolarmente stanchi. Alla fase di allenamento segue quella di rilassamento o di defaticamento in cui la frequenza del battito cardiaco e della respirazione si riducono gradualmente e tornano alla normalità. Non si tratta in questa fase di smettere bruscamente l’esercizio fisico, ma di proseguire con un’attività più “leggera” per alcuni minuti (come per il riscaldamento). Durante ogni allenamento ricordarsi sempre che:
È opportuno bere sufficienti quantità di acqua prima, durante e dopo la sessione di esercizi.
Non si deve svolgere attività fisica in condizioni ambientali di troppo caldo o troppo freddo.

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere professionale del vostro medico.

l’articolo segue con : ATTIVITÀ’ FISICA E ALIMENTAZIONE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: