CIAMBELLA AL LIMONE

Questo buonissimo dolce a ciambella, super morbido e adatto per i bambini , è facile da fare e da affettare per servirlo in modo semplice e comodo.

Occorrente:

  • 3 uova
  • 10-12 cucchiai di zucchero
  • 1 bicchiere pieno di olio di mais
  • 1 bicchiere pieno di latte
  • 14-16 cucchiai di farina 00
  • la buccia grattugiata di un limone
  • 1 bustina di lievito per dolci ( oppure una bustina di Cremor Tartaro e 1/4 di cucchiaino di bicarbonato)
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 pizzico di sale
  • Sciroppo per guarnire:
  • succo di un limone
  • 3 cucchiai di zucchero

Preparazione

  1. Accendere il forno per farlo preriscaldare , a 180 gradi.
  2. Rompere le uova in una terrina, versare lo zucchero e mescolare , con una frusta elettrica , fino a far diventare spumoso (per questo dolce io uso sempre uno sbattitore elettrico , per comodità , che gira bene gli ingredienti e mi evita la necessità di far montare a spuma i bianchi delle uova , a parte, come di solito richiedono le ricette per i dolci).
  3. Aggiungo una alla volta , per farli incorporare bene , tutti gli altri ingredienti come elencati sopra e sempre montando con la frusta, quindi : l‘olio, il latte, la farina, la buccia del limone grattugiata, il lievito, la vanillina e il pizzico di sale.
  4. Ungo lo stampo a forma di ciambella , lo infarino e lo riempio del composto.
  5. Metto nel forno caldo e faccio cuocere per 30-40 minuti circa. Controllo con uno stuzzicadenti la cottura e quando è cotto lo lascio raffreddare nello stampo.

Mentre il dolce si raffredda preparo lo sciroppo per guarnirlo.

Spremo il limone che avevo in precedenza grattugiato , raccogliendo il succo in un pentolino. Vi aggiungo 3 cucchiaini di zucchero e metto sul fuoco a cuocere, a fiamma media e sempre girando, fino a che è dorato.

Quando lo sciroppo inizia a prendere il colore dorato spengo il fuoco e , aiutandomi con un pennellino , spennello tutta la superficie del dolce, che diventerà lucida. Un po’ di sciroppo, poi, lo faccio scendere nelle increspature del dolce, in modo che , mangiandolo, si possa gustare l’intenso sapore del limone.

Quando il dolce è freddo si affetta e si serve.

Buon appetito!

Curiosità

Il Cremor Tartaro, che nelle ricette per le lievitazioni io associo al il bicarbonato, lo preferisco in quanto è un sale di potassio dell’acido tartarico, estratto dall’uva o dal tamarindo, quindi del tutto naturale, che non crea problemi per le intolleranze che si possono avere versi i lieviti ai lieviti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: