SOSTANZE NATURALI CHE TI AIUTANO A PERDERE O MANTENERE IL PESO

Identificati nei seguenti profili (A, B o C) per sapere quali integratori alimentari possono aiutarti a perdere o mantenere il peso.

PROFILO A: Esageri con il cibo, anche durante i pasti, perché mangi spesso fuori casa, per via di ansia e stress o perche’ arrivi al pasto troppo “affamata”.

Questi sono suggerimenti che fanno per te: moderare il consumo di alimenti, suddividendo i pasti nell’arco della giornata ed eventualmente anche ricorrere ad integratori alimentari di fibre che comportano un maggiore senso di sazietà e contribuiscono a ridurre l’assorbimento netto delle calorie assunte con il cibo.

PROFILO B: A volte, anche se segui la giusta alimentazione, hai comunque difficoltà a perdere peso e il tutto è accompagnato da un costante stato di stanchezza, pressione bassa e frequente sonnolenza. Sei probabilmente in una situazione di eccessiva sedentarietà, magari associata ad un metabolismo basale tendenzialmente basso.

In questo caso occorre prima di tutto incrementare l’attività fisica per aumentare il fabbisogno energetico. Uno sforzo muscolare superiore ai 20-25 minuti richiede un surplus di energia che viene ottenuta bruciando i grassi di deposito (attraverso i processi di lipolisi e termogenesi). Quando svolta con regolarità, inoltre, l’attività fisica induce un aumento della massa muscolare (massa magra), alla quale sono da attribuire i consumi energetici basali dell’organismo. In aggiunta all’esercizio, e mai in sostituzione, si può ricorrere anche alle piante medicinali ad azione attivatrice: gli attivatori metabolici.

PROFILO C: Sei in sovrappeso e hai ritenzione di liquidi che provoca “gonfiore” e aumento della taglia. Questo si accentua di più nei periodi di maggiore stress e le parti del corpo maggiormente coinvolte sono generalmente pancia, glutei e cosce.

Per verificare che sia effettivamente ritenzione idrica è sufficiente fare pressione per 2 secondi con il pollice sulla parte superiore della coscia e lasciare subito dopo: se è ben visibile l’impronta chiara lasciata dal dito la risposta è affermativa. Inoltre la pelle risulta tesa ed imbibita di liquido. La ritenzione idrica è indice di un rallentamento del ricambio idroelettrico a livello cellulare con ristagno di tossine e cataboliti. Può essere d’aiuto l’utilizzo di drenanti e depurativi.

Disclaimer                                                                                                                                                                                      Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere professionale del vostro medico.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: