HO 2 ANNI

“Ho 2 anni.
Oggi mi sono svegliato e volevo vestirmi da solo, ma mi hanno detto: ” No, non abbiamo tempo, lascia fare a me!”
Mi ha reso triste.
Volevo mangiare da solo per la colazione, ma mi hanno detto: “No, metti troppo disordine, lascia fare a me!”
Mi ha frustrato.
Volevo camminare fino alla macchina e salire da solo, ma mi hanno detto: “No, dobbiamo andare lì, vieni tra le mie braccia.”
Mi ha fatto piangere.
Più tardi ho voluto giocare con i blocchi ma mi hanno detto “No, non così! Cosi ‘…” ho deciso che non volevo più giocare con i blocchi. Volevo giocare con una bambola che qualcun altro aveva, così l’ho presa, mi hanno detto: “No, non farlo, devi condividere”.
Non sono sicuro di quello che ho fatto, ma mi ha reso triste. Così ho pianto. Volevo un abbraccio, ma mi hanno detto: “Smettila di piangere, va tutto bene, va tutto bene, vai a giocare”.
Mi dicono che è il momento di riordinare, lo so perché qualcuno continua a dire: “Metti via i giocattoli!”
Non so come fare, aspetto che qualcuno mi mostri… “Che stai facendo? Perché stai lì impalato? Raccogli i tuoi giocattoli!…”
Non avevo il diritto di vestirmi da solo per andare dove dovevo andare, ma ora mi chiedono di raccogliere e riordinare cose…
Non sono sicuro di cosa fare. Qualcuno potrebbe mostrarmi come farlo? Da dove cominciare? Dove mettere queste cose? Sento molte parole, ma non capisco quello che mi viene chiesto. Ho paura e non mi muovo.
Mi stendo per terra e piango.
Al momento del pranzo volevo prendere il tempo di usare le posate, il bicchiere, l’asciugamano, ma mi hanno pulito la bocca, “Bevi questo!…Lascia fare a me, sei troppo piccolo”.
Mi ha fatto sentire piccolo.
Ho provato a mangiare il cibo davanti a me, ma non ho fatto bene. “Sbrigati a finire!”.
Mi ha fatto venire voglia di gettare via le cose e piangere.
Non posso scendere dal tavolo perché nessuno mi lascia… perché sono troppo piccolo e non ci riesco.
Ho fame e sono frustrato e triste.
Sono stanco e ho bisogno di qualcuno che mi consoli.
Non mi sento al sicuro o sotto controllo.
Questo mi spaventa. Piango ancora di più.
Nessuno tiene conto di quello che provo. Mi parlano di capricci ma le cose che provo dentro sono più forti di me!
Tuttavia dovrei sapere come “condividere”, “ascoltare” o “aspettare un minuto”?
Dovrei sapere cosa dire e come comportarmi o gestire le mie emozioni. Ci si aspetta che io stia seduto tranquillamente o sappia che se lancio qualcosa si romperà… ma non conosco queste cose.
Non sono autorizzato ad esercitare le mie abilità di camminare, spingere, tirare, abbottonarsi, versare, servire, arrampicarsi, correre, lanciare o fare cose che potrei fare, che il mio corpo ha voglia di provare.
Le cose che mi interessano e mi rendono curioso, sono le cose che non sono autorizzato a fare!
Non sono così terribile…
Sono frustrato. Sono nervoso, stressato, sopraffatto e confuso. Ho spesso bisogno di un abbraccio.
Ho 2 anni, 2 anni e mezzo, 3 anni…
Ascoltami e impara a crescere.”

Testo in inglese di un autore sconosciuto tradotto da Deborah Cohen-Tenoudji

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: