MODERNA ANNUNCIA CHE IL VACCINO FUNZIONA AL 94,5 %

Le ultime notizie sul Coronavirus, i dati e le news dal mondo di oggi,
lunedì 16 novembre.

Il candidato al vaccino contro il COVID-19 di Moderna è efficace al 94,5%, secondo i primi dati diffusi dall’azienda in un comunicato stampa. Questo è leggermente superiore all’efficacia riportata da Pfizer e BioNTech, che ha annunciato un’efficacia del 90 per cento per il loro candidato vaccino la scorsa settimana. Entrambe le aziende hanno detto che avevano intenzione di chiedere alla Food and Drug Administration l’autorizzazione entro poche settimane.

COSA DICONO I DATI

I dati non sono ancora stati pubblicati o recensiti da esperti esterni. Gli esperti nel campo sono rimasti stupiti dai risultati ottenuti, anche se – la FDA ha detto che erano alla ricerca di vaccini che fossero efficaci almeno 50 per cento.

I TEST

Nella valutazione iniziale, Moderna ha detto che ci sono stati 90 casi di COVID-19 nel gruppo di sperimentazione clinica che ha ricevuto il “placebo” e solo cinque casi nel gruppo che è stato dato un vaccino. L’azienda ha anche controllato per vedere quanti dei casi erano gravi, e ha trovato 11 casi gravi nel gruppo placebo, ma nessuno nel gruppo che ha ricevuto il vaccino.

Non ci sono stati seri problemi di sicurezza con il vaccino, ma i partecipanti hanno segnalato alcuni effetti collaterali come affaticamento, mal di testa, o dolore presso il sito di iniezione. Tutti sintomi che si sono risolti rapidamente.

COME FUNZIONA IL VACCINO

Moderna è stata la prima azienda che ha creato il primo vaccino ed a entrare in sperimentazioni cliniche nel mese di marzo. Solo 63 giorni dopo che la sequenza genetica del virus è stata pubblicata online, l’azienda ha testato sul primo volontario candidato il vaccino.

Sono stati in grado di muoversi così rapidamente perché hanno usato una tecnologia basata su geni per creare il loro vaccino. Questi tipi di vaccini sono relativamente semplici da creare una volta che i ricercatori conoscono il gene virale che stanno cercando di colpire.

Il vaccino di Pfizer e BioNTech è stato costruito utilizzando lo stesso metodo. I due sono fatti da piccoli pezzi di mRNA, che dà al corpo umano istruzioni per produrre copie della proteina picco coronavirus. Di conseguenza, il sistema immunitario impara a difendersi da quella stessa proteina. I vaccini basati sui geni sono il futuro promesso dallo sviluppo dei vaccini, ma non sono mai stati approvati per l’uso nelle persone dalla Food and Drug Administration. I primi successi dei vaccini Moderna e Pfizer sono un segnale promettente per il metodo.

NOVITA’ RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL VACCINO

Moderna ha anche annunciato oggi che il loro vaccino COVID-19 può essere conservato a temperature da frigorifero (tra 36 e 46 gradi Fahrenheit, o 2-8 gradiCelsius) per un massimo di 30 giorni, il che dovrebbe contribuire a rendere più facile lo stoccaggio e la distribuzione di questo vaccino. Una preoccupazione per i vaccini basati su geni è che sono estremamente fragili e devono essere conservati a temperature molto fredde. Il vaccino di Pfizer e BioNTech, ad esempio, deve rimanere minimo a -70 gradi Celsius, dando a Moderna un leggero vantaggio logistico.

IL VACCINO SARA’ DISPONIBILE PER TUTTI?

Moderna ha detto che avrebbe disponibili 20 milioni di dosi del suo vaccino da effettuare in due dosi, disponibili entro la fine del 2020 e 500 milioni a 1 miliardo di dosi nel 2021. Il governo degli Stati Uniti ha un accordo con l’azienda per 100 milioni di dosi del loro vaccino attraverso l’operazione Warp Speed, un programma federale che mirava ad accelerare lo sviluppo del vaccino COVID-19. Questo si aggiunge ai 600 milioni di dosi del vaccino Pfizer acquistato dagli Stati Uniti, 50 milioni di dosi di cui potrebbero essere disponibili quest’anno. Anche questo vaccino viene fatto in due dosi.

CONCLUSIONE

Nel frattempo, gli Stati Uniti stanno vedendo numeri record di casi di COVID-19 ogni giorno, senza fine in vista, ma con questi dati promettenti, un vaccino non sarà disponibile per la maggior parte delle persone per alcuni mesi almeno. Questo rende le misure protettive ancora più importanti come indossare maschere ed evitare raduni ancora più fintantoché i vaccini stessi entreranno nel processo di autorizzazione. Più persone lo fanno nelle prossime settimane della pandemia, più potrebbero beneficiare di questi vaccini.

Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay
Fonte: Moderna
Fonte: Moderna
Fonte: The Verge

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: