PARRUCCHIERA CUNESE PUO’ TENERE IL SALONE APERTO, MA I CLIENTI SONO DI UN ALTRO COMUNE

Storia triste di una collega parrucchiera che vorrebbe lavorare, ma grazie al DPCM emanato qualche giorno fa, è impossibilitata a farlo perché le sue clienti arrivano da comuni diversi.

Questo è quello che è accaduto ad una parrucchiera ai confini del Comune di Cuneo, più precisamente a Trucchi , dove Virginia Lenza titolare del salone “La Gioconda parrucchiere uomo, donna e bambino” è impossibilitata a lavorare per via della posizione un po’ particolare della sua attività.
Trucchi di per se è un paese particolare perché a meno di qualche centinaio di metri c’è un intersezione di 8 comuni. (Cuneo,Margarita,Pianfei,Poveragno,Montanera,CastellettoMorozzo,Beinette)
Dal salone di parrucchieri basta attraversare la strada e si è già fuori Comune di Morozzo.
La posizione, da come si può capire, è davvero scomoda e dal DPCM i parrucchieri possono tenere aperto , ma i clienti dello stesso salone non possono andare da lei perché arrivano da comuni limitrofi, pertanto non hanno la possibilità di raggiungere Virginia.
Se si deve andare dal parrucchiere bisogna recarsi a quello più vicino e all’interno del proprio comune. Per cui la povera collega si ritrova nell’avere la facoltà di lavorare , ma di non avere la sua clientela.
Virginia ha provato a scrivere alla Regione spiegando il suo caso particolare e la riposta è stata solo la citazione del DPCM: “si deve andare nel negozio solo del proprio Comune.

Fonte: La guida.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: