MEGLIO IL COLORE CON AMMONIACA O SENZA AMMONIACA?

Abbiamo voglia di cambiare look , e nel prendere una decisione ci poniamo questa domanda: con o senza ammoniaca? L’ammoniaca è un ingrediente un po’ dannoso per i capelli, però ci permette di lavorare in molto modi a differenza del colore senza ammoniaca. Vediamo insieme le differenze.

COLORE CON AMMONIACA

Le tinte con ammoniaca, a differenza di quelle che non la contengono, hanno un risultato molto intenso sui capelli. Colorano fino in profondità coprendo totalmente il colore di base e sono particolarmente indicate per chi ha l’esigenza di coprire i capelli bianchi . L’ammoniaca permette al pigmento di arrivare in fin in profondità e da la possibilità di aumentare la durata stessa del colore sui capelli. Le tinte con ammonica di ultima generazione, però, sono arricchite da ingredienti naturali nutrienti ed antiossidanti che aiutano in parte a contrastare l’effetto negativo di questo elemento.

COLORE SENZA AMMONIACA

Le tinte senza ammoniaca hanno un effetto meno invasivo. I pigmenti sono attivati grazie ad un mix di oli naturali e ingredienti comunque chimici: ovviamente non si tratta di una tinta “indolore” per i capelli ma sicuramente più delicata rispetto alle colorazioni con ammoniaca, questo perché non essendoci l’ammoniaca non ha la capacità di penetrare in profondità. Oltre ad avere un effetto meno invasivo, la tinta senza ammoniaca svolge anche una sorta di trattamento lucidante ed emolliente e il capello appare più morbido a fine del servizio. Una tinta di qualità senza ammoniaca copre bene anche i capelli bianchi, il risultato però non è duraturo come quando si utilizza una tinta con ammoniaca. Il colore, infatti, tende a sbiadirsi lavaggio dopo lavaggio, per cui per evitare che si veda la ricrescita è necessario ripetere la colorazione più volte rispetto a quando si utilizza una tinta tradizionale.

Di solito la scelta del colore con o senza ammoniaca viene fatta da un professionista, in base alle necessità e esigenze in quel momento.

PRO E CONTRO DEL COLORE SENZA AMMONIACA

I PRO sono:

  • l’odore è neutro addirittura quasi leggermente profumato
  • riduce le problematiche legate a sensibilità cutanee
  • è indicata se non devi ottenere tanti toni di schiaritura
  • è indicata se non hai dei capelli bianchi refrattari (molto resistenti)
  • di solito queste colorazioni sono anche prive di PPD (Para-fenilendiamina), Resorcina, Parabeni e Nichel; appunto perché sono dedicate a chi è più sensibile alla colorazione per capelli, MA STATE ATTENTE LO STESSO PERCHE’ NON E’ COSI’ SCONTATO.

I CONTRO:

  • Il pH dei capelli si normalizza molto più lentamente e potrebbe succedere addirittura in alcuni casi che le squame non si chiudano completamente a fine processo con la conseguenza che il colore scaricherà di più e durerà meno
  • maggiore stress per la struttura del capello
  • poco efficaci nelle schiariture
  • ci sono molte meno Nuances a disposizione

COME CURARE AL MEGLIO IL CAPELLO DOPO AVERLO COLORATO?

A meno che non si utilizzi una tinta completamente naturale, ( vedi gli altri articoli che ho scritto HENNE’ o MALLO DI NOCE) le tinte chimiche sono sempre più o meno aggressive sulle chiome per cui è importante prendersi cura dei capelli utilizzando prodotti ristrutturanti maschere o ricostruzioni. La maschera sarebbe ideale utilizzarla una volta a settimana e tenuta almeno 10 minuti in posa dopo aver lavato e tamponato i capelli con asciugamano. Questo è un passaggio molto importante perché quando andrete ad applicare la maschera, non sarà diluita con l’acqua rimasta tra i capelli. In questo modo il prodotto avrà modo di lavorare con più concentrazione e più in profondità. Questo è un servizio che si può fare tranquillamente a casa , sarebbe il top poter mettere attorno alla testa della pellicola o mettere una cuffietta per mantenere il caldo umido che si forma all’interno. Questo microclima che si forma aiuta ancora di più a tenere idratato il capello e a far entrare meglio la maschera.

Ci sono anche dei trattamenti più specifici che si fanno da colleghi professionisti , con il nome di Ricostruzione o Refil o addirittura hanno dato un loro nome a questo tipo di servizio, che va a lavorare in modo molto più profondo e dettagliato con ingredienti specifici e che hanno bisogno di più tempo di posa (almeno 15/20 min), ma soprattutto vengono scelti gli ingredienti e mescolati al momento in base alla necessità dei capelli. La durata è maggiore rispetto la maschera settimanale. Di solito varia dalle 2/3 settimane e viene proposto di farlo prima dell’estate, dopo l’estate e ed in inverno. Ovviamente la motivazione è la prevenzione prima delle vacanze al mare o comunque perché il sole in estate è molto più forte rispetto che in inverno. Dopo l’estate per ridare al capello l’idratazione persa e la lucentezza e in inverno per proteggerli dal freddo e dai vari sfregamenti meccanici dati dai sciape e cappelli.

Photo by cottonbro on Pexels.com

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: